Durata della lettura: 4 minutes

Il segreto della Cova Tallada

In questo post vi parleremo di un’altra opera d’arte della natura di Alicante, La Cova Tallada. Immaginate di fare il bagno in una grotta nel mare, con acque cristalline, volte alte molti metri e dove solo pochi privilegiati entrano.

Bene, stiamo parlando della Cova Tallada di Jávea e della Cova Tallada di Dénia. Sì, sappiamo che questo può non essere compreso, ma ci sono documenti che dimostrano che questa grotta è la zona che separa esattamente Jávea o Xàbia da Dénia e appartiene parzialmente ad entrambe le città. Si trova nella riserva naturale di Cabo de San Antonio e per la quale è necessario un permesso per visitarla da giugno a settembre.

Vista di cueva tallada e capo san antonio
Immagini della Cova Tallada a Jávea / Dénia (Costa Blanca)

Cosa significa La Cova Tallada? L’origine

Cova Tallá era una grotta che veniva utilizzata come cava per la cosiddetta “pietra tosca”, che si può trovare in molti edifici di Jávea o nel castello di Dénia. Da qui il suo nome, “grotta scolpita”, poiché troveremo la pietra tagliata all’interno di questa cava acquatica a livello del mare.

Torre del castello di denia fatta con pietra grezza

Questa cava a livello dell’acqua, ha una parte naturale e un’altra creata dall’azione dell’uomo durante l’estrazione dell’arenaria calcarea. Alcuni datano il suo uso come cava dal periodo musulmano e altri addirittura dall’epoca romana. Nel 1972 queste pratiche sono state vietate per conservare la costa.


Prenota la tua visita alla grotta, è obbligatoria.

Le prenotazioni per la Cova Tallada sono gratuite, per un massimo di 5 persone per prenotazione. Puoi prenotare fino a 10 giorni prima della tua visita. Sempre sul sito ufficiale dei Parchi Naturali della Generalitat Valenciana.

  • Visite regolamentate dal 15 giugno al 30 settembre.
  • Ogni permesso permette un massimo di 5 persone.
  • Il momento dell’autorizzazione è quello di entrare nella Grotta. La permanenza massima nella grotta è di 1 ora e 30 minuti.
  • Le prenotazioni possono essere fatte 10 giorni prima della visita.

All’ingresso del percorso sono incaricati di regolare l’accesso.


Come arrivare alla Cova Tallada a piedi?

Percorso dell'immagine da les rotes a cova tallà
immagine del percorso da Les Rotes alla grotta Tallà

Percorso consigliato: per arrivare alla Cova da Dénia

Con la liberalizzazione dell’autostrada AP-7 il modo più semplice è andare a Dénia e da lì prendere il sentiero per la grotta. Per parcheggiare, vi lasciamo un link a Googlemaps con l’inizio della Via Lattea, l’inizio del percorso.

Il percorso più breve per raggiungere la Cova Tallada è da Dénia, dalla spiaggia di Les Rotes, da Calle Vía Láctea, lungo un ripido sentiero di montagna di circa 2 km andata e ritorno. Anche se è abbastanza semplice, ha delle sezioni in cui bisogna usare delle catene ancorate al muro come corrimano, per andare su e giù per certe sezioni di “scala naturale”.

Tutto il percorso si fa attraverso un sentiero con piante endemiche della zona, con palmetti, il silente de Ifach (come la roccia) o il ginepro marino. E se siete fortunati potrete vedere il cormorano o il falco pellegrino. Anche i gabbiani, tutti quelli che vuoi. Avendo subito un incendio anni fa, il paesaggio è un misto di piante in germinazione e altre in fase di recupero.

Il percorso di accesso alla grotta passa attraverso le scogliere, con salite e discese, e si consiglia il seguente:

  • Calzature adeguate per circa 30 minuti di sporcizia e sentieri scivolosi. Stivali o scarpe da ginnastica.
  • Calzature adatte alla grotta e al mare: stivaletti.
  • È un modo complicato di andare con bambini o persone con qualche tipo di disabilità permanente o temporanea: donne incinte, persone con mobilità ridotta…
  • Non adatto alle persone che soffrono di vertigini.
  • Non sovraccaricare il tuo zaino, meglio la luce.
  • Occupatevi degli orari. Esci la mattina presto, prima che faccia caldo, cronometra la tua corsa e calcola il tuo ritorno. Non lasciate che si faccia buio, perché non c’è nessun tipo di illuminazione.

Va da sé che si prende lo zaino base per le escursioni e le immersioni, con crema solare ad alto fattore, molta acqua, cibo, scarpe, costume da bagno, asciugamano, attrezzatura per lo snorkeling…

La Torre Gerro

Torre del gerro tra dénia e jávea / xàbia

Mentre salite, se continuate troverete la Torre del Gerro, una torre di guardia del XVI secolo. Queste torri, che si trovano lungo tutta la costa di Alicante, erano torri di avvistamento per l’arrivo dei pirati barbareschi. Se hai un po’ di tempo a disposizione, sali e goditi le incredibili viste della costa di Alicante, del Parco del Massiccio del Montgó e della Riserva di Cabo de San Antonio. L’accesso è gratuito, non è necessaria alcuna prenotazione.

Percorso alternativo: come raggiungere la Cova Tallada da Jávea

Sul sito ufficiale del Parco Naturale del Montgó dobbiamo consultare l’apertura dei percorsi, soprattutto tra giugno e settembre. Per arrivarci da Jávea ci sono due percorsi da scegliere:

Insistiamo che se quello che vogliamo è fare il bagno nella grotta, dovremmo scegliere tra tutti i percorsi quello raccomandato da Dénia. Lì avremo accesso autorizzato con la nostra prenotazione.


Come arrivare alla grotta dal mare?

Si può anche raggiungere la Cova dal mare in kayak o in paddle surf, ma bisogna anche prenotare. Se parli con una compagnia di kayak, fanno gite organizzate dalla spiaggia di Les Rotes a Denia, lungo le scogliere fino alla grotta. Iscriviti su 7mar.es per un percorso di Paddle Surf alla grotta.

Kayak nella grotta tallada, xàbia (alicante)
Kayak nella grotta Tallada, Xàbia (Alicante)

All’interno della grotta

Nella grotta troveremo una piscina naturale di circa 60 cm di profondità, con un fondale molto interessante. L’acqua è molto fresca, perché non prende il sole. Dietro questa piscina troveremo una grotta tradizionale dove si può osservare l’azione dell’uomo sulle sue pareti. Vedrete presto i segni della cava.

All’entrata della grotta c’è un’iscrizione: “Philipus III hispus rex cavernam hanc penetravit an MDXCIX”. Significa che il re Filippo III era in quella grotta nel 1599. C’è una leggenda metropolitana che dice che la grotta fu usata come luogo segreto per immagazzinare rifornimenti dai sottomarini tedeschi nella seconda guerra mondiale.


Fuori dalla grotta

Di fronte alla grotta si trova un piccolo isolotto, una grande roccia da cui si possono fare foto frontali. Vi invitiamo a fare snorkeling in un mare calmo e a scoprire un fondale unico. Da buon professionista dello snorkeling non abbiamo bisogno di dirvi di fare attenzione al fondo, di non portare nulla con voi e di non disturbare la grotta. Il suo uso come cava appartiene al passato.


Video del percorso e della grotta Tallà


Protezione del Montgó e del Capo di San Antonio

Ci è stato chiesto di insistere sul rispetto di questi gioielli naturali di Jávea / Xàbia e Denia. Sia le vie d’accesso lungo la costa che la torre o la grotta devono essere protette e mantenute pulite. Stiamo parlando di una riserva marina e di una riserva naturale.

Molti animali vivono intorno alla zona dei sentieri o della torre e qualsiasi detrito o spazzatura può influenzarli. Per favore, mantenete sempre il rispetto e Alicante continuerà ad offrirvi luoghi magici.


Se stai cercando posti incredibili non hai bisogno di lasciare la Spagna, sia sulla costa che nell’interno di Alicante ne abbiamo molti. Quando finisci questo articolo, ti lasciamo il link alla lista delle 9 cose da vedere a Dénia in 1 giorno, in cui si parla del parco naturale di Montgó, la Torre del Gerro o le spiagge di Dénia. Godetevi la Comunitat Valenciana, il Mediterraneo dal vivo.

Lascia un commento